71

Dario Apostoli: Soglie

Dario Apostoli: Soglie

Autore: Dario Apostoli
Testi: Paolo Donini e Saverio Ciarcia
Pagine: 84
Lingua: Italiano/Inglese
Anno: 2014
Formato: 165×205 mm.
Confezione: Rilegatura cartonata con capitello, plastificazione soft touch della copertina. Brossura filo refe.

ISBN 978-88-95388-17-5

€ 15,00

Le foto di Dario Apostoli sono deserti urbani di abbacinante fulgore. Due sono le sensazioni intense che suscitano. La prima è il trovarsi a osservare, da vicino incredibilmente e senza protezione, la luce accecante di una gigantesca esplosione nucleare: quella luce che investe le cose, le consuma con una violenza che anticipa di un istante il vento atomico, il fuoco che tutto brucia e che, però, le cose che restano visibili sono ammantate di colori smaglianti, vibranti, vivi. La seconda sensazione è il vedere le immagini della realtà, ma come rivestita da una luce soprannaturale, vissuta come in un sogno piacevole e distaccato, come quello che descrivono le persone rientrate da un coma profondo. Che hanno in qualche modo sperimentato la morte, per poi ritornare di nuovo tra i vivi. Che hanno varcato quella incredibile “soglia” che separa universi paralleli e incomunicabili.

In ogni fotogramma di Dario Apostoli, in ogni sua inquadratura e dettaglio colorato si nasconde la ferma e tenace volontà dell’artista di sospingerci fuori dal guscio. L’urgenza inflessibile di farci emergere – con sorpresa, o magari fastidio, o persino sofferenza – dalla passiva catalessi della nostra stessa ottusa e tirannica incoscienza, che vorrebbe tenerci a sonnecchiare nel rassicurante tepore dell’abitudine, evitandoci il trauma devastante di una dolorosa quanto improcrastinabile presa d’atto.

Dario Apostoli nasce a Berna nel 1970. Sin da ragazzo si dedica alla fotografia occupandosi personalmente di sviluppo e stampa. Partecipa a numerosi corsi e work-shop affinando la sua conoscenza delle tecniche e della storia della fotografia italiana e internazionale. Insegna fotografia in corsi per enti pubblici e privati. Dal 2008 sperimenta il cinema filmando cortometraggi con il telefono cellulare. Ha all’attivo numerose mostre e proiezioni sia personali che collettive.