72

Samuele Bianchi, Simone Letari, Simona Lunatici: sedimento

Samuele Bianchi, Simone Letari, Simona Lunatici: sedimento

Autori: Samuele Bianchi, Simone Letari, Simona Lunatici
Testi: Simona Lunatici, Alessandro Trabucco, Pietro D'Agostino
Pagine: 100
Lingua: Italiano/Inglese
Anno: 2019
Formato: 21x28 cm.
Confezione: Brossura filo refe

ISBN 978-88-906116-0-5

€ 30,00

sedimento è un lavoro che nasce all’interno di un’idea più ampia, dal nome Guardo divenire immagine. Una ricerca condotta da tre autori in oltre due anni, che esplora i luoghi osservandoli, senza farne necessariamente documentazione, bensì vivendoli, attraversandoli, percorrendoli sia fisicamente che con il solo sguardo, sempre pronto ad accogliere, senza  pregiudizio, quello che si mostra alla vista. Il termine sedimento, così come si evince dal dizionario della lingua italiana, indica il risultato di un processo di deposito di materia in seno ad un fluido, a seguito di un movimento provocato da una forza. Nessun altro titolo poteva rendersi più adatto a descrivere il percorso creativo che sta dietro alla realizzazione di questo volume. Si tratta di una raccolta di immagini realizzate da Samuele Bianchi, Simone Letari e Simona Lunatici, frutto di un lento processo di osservazione dello spazio e di condivisione degli sguardi in esso, un percorso di attraversamento dei luoghi, inevitabilmente destinato talvolta ad allontanarsi, talaltra a sovrapporsi in una stretta connessione di vicinanza visiva. Un deposito di esperienze nello spazio che ci circonda, in luoghi che percorriamo più o meno abitualmente, mossi dalle più svariate motivazioni, luoghi che potrebbero essere un qualsiasi altro luogo, mai solo nostro, bensì condiviso da più. L’essenza di questo lavoro sta proprio nel processo di accumulo di immagini ed esperienze, di separazione e di mescolazione. Un processo lento, liquido, che qui appare fermo nel tempo, come depositato sul fondo, ma mai definitivo. Può bastare un movimento per sconvolgere il tutto ed originare nuove forme di sedimento, pur sempre composto dalla stessa materia. Un processo in divenire, che può momentaneamente arrestarsi, ma non trovare mai fine, se mosso da una forza.