78

ARTISTI PRESENTI NEL NUMERO 78

Novità editoriali

Colomba D'Apolito: d'Après

Colomba D'Apolito: d'Après

Ritagliare un'immagine ha un aspetto paradossale: costringe a venire a patti con la materialità di ciò che per eccellenza giudichiamo impalpabile. John Mitchell, nel suo Pictorial turn, scioglie così l'apparente contraddizione, distinguendo tra image e picture, "Picture [...] è l'immagine come appare su un supporto materiale o in un luogo specifico. [...]. L'immagine [image] non appare mai se non in un determinato medium, ma è anche ciò che trascende i media e può essere trasferito da un medium all'altro". Non si ritaglia una image, dunque, ma una picture. Tuttavia, operare sulla picture significa anche - eventualmente -  generare nuove images.

Il lavoro di Colomba D'Apolito si colloca esattamente in questo solco, testandone limiti e possibilità. Cuts-up, dunque, che operano sul supporto non per una presa di posizione antimoderna, ma per una scelta di campo altrettano precisa.
(dal testo critico di Enrico Gullo, Storico dell'arte e PdD in Storia dell'arte)

>> Vai alla scheda del libro
Pierre André Podbielski: Beyond the white wall

Pierre André Podbielski: Beyond the white wall

Pierre André Podbielski è un compagno di viaggio: per corridoi di musei, per sale illuminate dove l’opera d’arte assiste, più che mostrarsi ai visitatori. Assiste a quel pubblico dell’arte che mi ha tenuto compagnia per cinque anni, e che ritrovo con le sue modalità nelle fotografie di Pierre André. Ma il suo tempo fotografico, la sua sorpresa estetica dentro gli spazi espositivi ha una cosa che io non possiedo, e che è dei fotografi veri, che è di uomini come Elliott Erwitt. Pierre André Podbielski è un fotografo ironico, divertito, sospeso, distaccato ma con simpatia. Nelle sue fotografie il sorriso lega tutto, tiene assieme le immagini, le racconta ancora meglio.

L’ironia fotografica è una dote invidiabile, perché la fotografia, di per sé, è sempre in bilico, è sempre seria; la serietà di ogni realtà che viviamo, ed è sempre: retorica. È il suo fermare il tempo a renderla solenne, è il suo mettere al centro del nostro sguardo quell’attimo dello scatto a fare della fotografia un momento retorico nel senso buono del termine.
(dall’introduzione di Roberto Cotroneo)

>> Vai alla scheda del libro
Serafino Fasulo: DROP IN – Cadere Dentro

Serafino Fasulo: DROP IN – Cadere Dentro

È così vasta la zona d’ombra dove ci nascondiamo a noi stessi da impedire una qualunque grossolana definizione della nostra identità. Chi ha familiarità con questa zona d’ombra sa che per superarla deve compiere un lungo, difficile e a volte doloroso viaggio nella memoria. Ogni uomo trova nel proprio passato immagini che tanto più sorprendono quanto più rivelano la natura fonda delle cose e delle persone; dipanano questa zona grigia che tutti attraversiamo, che le parole non sanno dire ma che la fotografia sa ben rappresentare; spiegano che cosa uno è e come lo è diventato. Tuttavia, il passato non è qualcosa di inerte e il nostro viaggio diviene un gioco di specchi dove si mischiano, in maniera ora familiare ora inquietante, briciole di coscienza e di memoria, di amori e disamori, di realtà e immaginazione. Come se gli istanti che soli ricordiamo e dai quali ricostruiamo i mesi, i giorni e gli anni della nostra vita, appaiano capricciosi, un po’ qua e un po’ là. Mai in maniera diacronica ma secondo i tempi imprevedibili della memoria involontaria. Alcuni ritornano, rassicuranti. Altri ci portano chissà dove, negli altrove che abbiamo abitato e vissuto. Sono i tasselli di un puzzle sempre diverso che è il nostro presente, il problema è metterli insieme… dopo. I ricordi cambiano, quindi, come noi cambiamo e ci tradiscono o, a volte, li tradiamo. Siamo avviluppati al chi eravamo in una spirale che spiega e interpreta il mondo in cui siamo e che, a fine giro, alimenta di nuovo la memoria che ci portiamo dentro: lo ieri da cui proveniamo. Lo arricchisce, a volte addirittura ricostruendolo.  […]

(Franco Carlisi)

>> Vai alla scheda del libro
Luca Gilli: Incognita

Luca Gilli: Incognita

Sin dal titolo Incognita richiama il particolare rapporto di correlazione e di dissociazione che si instaura tra le realtà note e la loro immagine ricomposta nelle fotografie di Luca Gilli. L’intuizione immediata del significato artistico delle fotografie di Gilli – che eccede la funzione documentale del progetto sulla scuola in tempo di lockdown – si produce a partire dal riconoscimento della familiarità degli oggetti – banchi, lavagne, palestre, computer, sedie – e dal loro immediato disconoscimento, che li situa in una dimensione alternativa, in un regno del bello, a sua volta fondato su un codice personale e tuttavia anch’esso immediatamente riconoscibile. Il più evidente elemento trasfigurante della realtà è la luce che inonda gli oggetti e i luoghi, è l’intensità del bianco che giunge fino al limite della negazione e che dissolve la consuetudine degli oggetti fino quasi a bruciare ogni possibilità percettiva. Ci sono immagini in cui la luminosità e il candore sono talmente portati all’eccesso che due lavagne e una finestra si fondono insieme, altre in cui un ambiente ordinario e privo di aperture diventa una sorta di cubo lucente […]. La luce, elemento naturale, diventa così il segno più evidente dell’intervento dell’artista, che segnala il carattere artefatto della fotografia perché solo attraverso il ricorso a strumenti tecnologici si possono ottenere quelle luminosità e quelle rarefazioni. […]
(Marco Unia, dal testo di Gente di Fotografia n. 78)

>> Vai alla scheda del libro
Massimo Cristaldi: Suspended

Massimo Cristaldi: Suspended

[…] Anche quando ci troviamo di fronte a un’opera d’arte incompiuta, la grandezza dell’autore la definisce e la rende in sé magnifica: è l’Incompiuta. È infatti proprio perché non conclusa che l’artista si ammanta di leggenda e di una storia ulteriore che impreziosisce la sua esistenza poiché l’immortalità del suo genio sarà sempre ricondotta al suo essere mortale. Il genio è ancora fra noi–immortale–, ma attraverso quell’incompiutezza ci ricordiamo che era come noi–mortale–. Ma un’opera d’arte incompiuta ci dice ancora di più: ci racconta del processo creativo, della smania del gesto autoriale che vuol giungere all’essenza, della vitalità della genialità che lotta con l’indolenza della malattia, del mistero di una mente che non si avvede della bellezza creata e l’abbandona, di un’epoca contraddittoria, come tutte le epoche, che stabilisce i canoni ma non riconosce i capolavori. Nessuna opera artistica incompiuta è minore,proprio perché è più aperta di un’opera d’arte conclusa. Per comprendere fino in fondo la meraviglia che provoca una tale incompiutezza basti soffermarsi sul disagio che invece produce un’altra tipologia di opere incompiute: quelle infrastrutturali, edili, urbane. […]

>> Vai alla scheda del libro
Paolo Simonazzi: La casa di Lenin

Paolo Simonazzi: La casa di Lenin

Uno che di nome si chiama Lenin deve per forza avere un percorso segnato. Troppo forte è l’imprinting, il marchio di fabbrica che richiama lotte contadine, coscienza popolare, il grande sogno comunista che si è spezzato con la dittatura sovietica ma che da noi, soprattutto nella nostra pianura emiliana, è rimasto un’utopia irrealizzata. E allora chi si porta lievemente sulle spalle ciò che più che un onere è un onore ci sta che consacri la sua esistenza alla vita spartana dei campi tinteggiata con i colori della campagna, profumata dall’odore del fieno e delle stalle, incorniciata dai tramonti quando l’erba cambia colore. Ed è il lavoro nei campi, la pace della natura che avvicina gli uomini alla poesia. Poesia delle cose e dell’anima, linguaggio che si nutre delle vibrazioni della terra umida, fertile, a volte arida. [...] L’occhio fotografico di Paolo Simonazzi coglie alla perfezione la natura delle cose e le fa rivivere nella loro essenza fatta di colori pastello, disordine creativo, frammenti di vita vissuta. [...]

>> Vai alla scheda del libro
Luca Manfredi: Pavee Kids Ireland - Ostinati prigionieri di sogni

Luca Manfredi: Pavee Kids Ireland - Ostinati prigionieri di sogni

Luca Manfredi cammina e porta negli occhi le tracce della sua memoria: i Pavee Kids Ireland. Bambini precoci e misteriosi, bambini che hanno come riferimento fonti arcaiche dove lo sradicamento dal luogo non coincide con la sofferenza, ma la libertà.
A dieci anni con il loro cavallo sono già come adulti completi. Si aggirano per i campi con un’aurea azzurrina sulla pelle e un’agitazione sul viso come se non smettessero mai di cantare, sono piccoli, più o meno otto anni, ma per chissà quale ragione inadeguata e confusa siamo davanti a “uomini” che ci precedono. Hanno tanti fratelli e sorelle, cresciuti in scuole improvvisate, sono figli di famiglie numerose dove si riconoscono gesti e segni senza nessuna ipocrisia moderna.

>> Vai alla scheda del libro
Samuele Bianchi, Simone Letari, Simona Lunatici: sedimento

Samuele Bianchi, Simone Letari, Simona Lunatici: sedimento

sedimento è un lavoro che nasce all’interno di un’idea più ampia, dal nome Guardo divenire immagine. Una ricerca condotta da tre autori in oltre due anni, che esplora i luoghi osservandoli, senza farne necessariamente documentazione, bensì vivendoli, attraversandoli, percorrendoli sia fisicamente che con il solo sguardo, sempre pronto ad accogliere, senza  pregiudizio, quello che si mostra alla vista. Il termine sedimento, così come si evince dal dizionario della lingua italiana, indica il risultato di un processo di deposito di materia in seno ad un fluido, a seguito di un movimento provocato da una forza.

>> Vai alla scheda del libro

ULTIMO NUMERO

Anno XXVIII #78

Anno XXVIII #78

Abbonati a GENTE DI FOTOGRAFIA

Rivista trimestrale.

148 pagine, formato 220mm x 300mm.

La pubblicazione si rivolge ad un pubblico di amatori, professionisti ed artisti come fonte di approfondimento, confronto e anticipazione delle tendenze creative.

Sfoglia la rivista campione Sfoglia la rivista campione

SOMMARIO N.78

Foto di copertina © Lorenzo Castore
Editoriale
MATRI MIA - Franco Carlisi
Portfolio
Angelika Kollin - I CORPI DELLE DONNE
Alberto Giovanni Biuso
Denelle & Tom Ellis - A MARRIED COUPLE (2ND HONEYMOON)
Gabriella Corbo
Diana Cheren Nygren - APPUNTAMENTI TRA GENERAZIONI
Enrico Palma
Ela Polkowska - DRZAZGA/SPLINTER
Silvia Ciappina
Lynn Saville - DARK CITY
Loredana Cavalieri
Carmen Sorrentino - OLTRETUTTO
Giusy Randazzo
Stefania Carraturo - ANCHE SE RESTANO SOLO MACERIE
Sergio Labate
Walter Plotnick - SCATOLE MAGICHE
Enrico Moncado
Antonella Monzoni - LE “ANIME” DEL VILLAGGIO DI PERVOMAJSKIJ
Oscar Meo
Close Up
FRANCO CARLISI INTERVISTA ROGER BALLEN
Mostre
Love Songs - PHOTOGRAPHY AND INTIMACY
Debora Randisi
Frida Kahlo - TROUGH THE LENS OF NICKOLAUS MURAY
Pippo Pappalardo
Libri
Luca Gilli - INCOGNITA
Marco Unia
Lorenzo Castore - GLITTER BLUES
Gabriella Corbo
Paolo Simonazzi - IL FILO E IL FIUME
Simona Lorenzano
Gianfranco Jannuzzo - GENTE MIA
Giusy Randazzo
Federico Pacini - NON ANDARE TROPPO LONTANO
Giusy Randazzo
Rassegne
FOTOGRAFIA EUROPEA 2022
Sara Randazzo
IMP 2022 FESTIVAL INTERNAZIONALE
FOTOGIORNALISMO
Alessia Disaró
RIAPERTURE 2022
FESTIVAL FOTOGRAFIA FERRARA
Patrizia Sommella
Punctum
Pio Tarantini - L'IMMAGINE INCONTENIBILE
Marisa Prete
Premio Lettura Portfolio
MiranoFotografia 2022
Giorgio Meneghetti - INTERPRETAZIONI ARCHITETTONICHE
Monica Mazzolini
Trapani in Photo 2022
Salvo Titoni - LA PIGGHIATA D'OCCHIO
Giuseppe Cicozzetti
Fiere
MIA - Milan Image Art Fair 2022
Premio Portfolio New Post Photography
Ulderico Tramacere - Morfologia della Fiaba
LE PIEGHE DEL POSSIBILE
Pio Tarantini
Premio New Post Photography III Edizione